• 12 Maggio 2021 19:00
  • 13 Maggio 2021 19:00
  • 14 Maggio 2021 19:00
  • 15 Maggio 2021 19:00
  • 16 Maggio 2021 16:00

tutte le repliche sono SOLD OUT!

Leggi il fogli di sala

Nel Purgatorio siamo in uno stato invaso da forze militari, una di quelle vicende che potrebbero collocarsi tra la guerra in Bosnia o in qualche territorio del Medio oriente dove le Forze della Pace esercitano l’esportazione di democrazia. Una donna e una morta si confrontano sulle conseguenze delle loro scelte, sul loro attivismo e sulla dignità. Due sciacalli le derubano e si appropriano di tutti i loro averi. Nel Purgatorio, Dante incontra Stazio e questo gli da motivo di iniziare una lunga riflessione sul ruolo della poesia e degli intellettuali e sul coraggio delle proprie scelte.

Fabrizio Arcuri

 

La produzione si inserisce nell’ambito del progetto Visioni di Dante, un programma ideato dal Teatro Stabile del Veneto e selezionato dal Progetto del MiBACT Dante 2021 – Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.
La Compagnia Giovani è parte dell’Accordo di Programma tra Regione Veneto e Teatro Stabile del Veneto con la partnership di Accademia Teatrale Veneta per la realizzazione di un Ciclo Completo di Formazione Professionale per Attori – Modello TeSeO Veneto – Teatro Scuola e Occupazione (DGR n. 1037 del 17 luglio 2018).

INFORMAZIONI

È possibile utilizzare i voucher e le Gift Card in corso di validità

È possibile acquistare i biglietti tramite Carta del docente e App18

In vendita dal 30 aprile solo online su www.teatrostabileveneto.it e dal 04 maggio presso la biglietteria del Teatro Verdi

 

 

 

 

Orario biglietteria

Teatro Verdi 

da martedì a sabato

dalle 10.00 alle 13:00 e dalle 15.00 alle 17.00

 

Teatro Maddalene

da mercoledì a sabato dalle 18.00 a inizio spettacolo

domenica dalle 15.00 a inizio spettacolo

 

ATTENZIONE: l’abbonamento a tre spettacoli è acquistabile solo in Biglietteria

 
intero20,00
sostenitori14,00
under2612,00
abbonamento Trittico dantesco45,00

Trittico dantesco

tutte le repliche di un Inferno sono SOLD OUT!

Un Inferno, un Purgatorio, un Paradiso. Trittico dantesco è la riscrittura delle tre Cantiche della Divina Commedia che, nell’anno del VII centenario dalla morte del Sommo Poeta, il Teatro Stabile del Veneto ha voluto affidare a tre tra i più interessanti drammaturghi contemporanei Fausto Paravidino, Letizia Russo e Fabrizio Sinisi, per la messa in scena di un solo spettacolo in tre parti distinte sapientemente diretto da Fabrizio Arcuri e arricchiti dalle musiche originali di Giulio Ragno Favero. Un’impresa iniziata con un lavoro di composizione durato circa sei mesi e approfondito nel corso di tre seminari di perfezionamento aperti a giovani drammaturghi provenienti dall’intera penisola, ai quali è stata offerta la possibilità di penetrare i significati e la struttura della Commedia. Terminato il processo compositivo, nel gennaio 2021 a Padova al Teatro Maddalene sono iniziate le prove con gli attori della Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto, selezionati tra coloro che si sono diplomati negli ultimi anni presso l’Accademia Teatrale Carlo Goldoni nell’ambito del Modello TeSeO Veneto – Teatro Scuola e Occupazione.

Lo spettacolo rientra tra le iniziative di Visioni di Dante un programma ideato dal Teatro Stabile del Veneto con Fabrizio Arcuri e selezionato dal Progetto del MiBACT Dante 2021 – Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

 

Note di regia

di Fabrizio Arcuri

Trittico Dantesco nasce fin dall’inizio con l’idea di rintracciare all’interno della Divina Commedia i motivi principali e il contesto entro cui Dante ha inscritto la sua opera. Riferirsi alla Commedia oggi significa in primo luogo individuare un contesto, un mondo di riferimento, che sia adeguato alla nostra vita e che abbia la stessa presenza e la stessa forza che la religione aveva nel testo del poeta. Ma significa anche individuare quali sono i motivi principali che muovono le persone e le nostre società.

Per qualche motivo siamo portati a pensare che il mondo attuale sia più complesso e più stratificato e che sopporti malamente le semplificazioni. Tuttavia il desiderio, e quindi la ricerca del piacere, sono ancora motori importanti per la vita di tutti noi, e su questo agisce la politica e l’economia.

Spesso siamo spinti, direi quasi costretti, a desiderare cose di cui non abbiamo veramente bisogno e che sono il frutto di un immaginario costruito al fine di farcele desiderare, allontanandoci in qualche modo da quelli che sono i nostri veri desideri.

Se il teatro può ancora avere senso nella nostra contemporaneità, forse questo va rintracciato proprio nella possibilità di prendersi cura dell’immaginario delle collettività, nel tentativo costante di mostrarlo nella sua innata prismaticità e in tutta la sua complessità, senza alcun bisogno di costringerlo entro confini rassicuranti, compito della pubblicità e del marketing.

 

La produzione si inserisce nell’ambito del progetto Visioni di Dante, un programma ideato dal Teatro Stabile del Veneto e selezionato dal Progetto del MiBACT Dante 2021 – Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.
La Compagnia Giovani è parte dell’Accordo di Programma tra Regione Veneto e Teatro Stabile del Veneto con la partnership di Accademia Teatrale Veneta per la realizzazione di un Ciclo Completo di Formazione Professionale per Attori – Modello TeSeO Veneto – Teatro Scuola e Occupazione (DGR n. 1037 del 17 luglio 2018).

Teatro Maddalene

Centralino +39 049 8777011
Biglietteria +39 049 87770213
Fax 049 661053
Coordinatore direzione.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
Richiesta informazioni info.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
Orario di biglietteria Teatro Verdi: da martedì a sabato, ore 10.00 – 13.00 e 15.00 – 17.00

Teatro Maddalene: da mercoledì a sabato dalle 18.00 a inizio spettacolo

domenica dalle 15.00 a inizio spettacolo

 

Via S. Giovanni di Verdara 40 - Padova - 35137 - Italia