• 17 Maggio 2020 20:00
  • UNA STAGIONE SUL SOFÀ

    Il Nordest in tournée

     

    spettacolo in versione integrale

    ONLINE domenica 17 maggio, ore 20.00

     

    Testo teatrale che il premio Nobel Peter Handke scrive nel 1992, L’ora in cui non sapevamo niente l’uno dell’altro viene presentato in prima italiana due anni più tardi sul palcoscenico del Mittelfest e nella produzione congiunta del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con il Teatro Stabile Sloveno di Trieste.

    La messinscena è firmata da Giorgio Pressburger: la proposta in streaming dello spettacolo vuole anche fare omaggio all’intellettuale, scrittore e regista, nato in Ungheria ma vissuto a Trieste, e scomparso nel 2017.

    Con la sua sensibilità mitteleuropea, la sua cultura e ed il suo linguaggio registico lirico e immaginifico Pressburger si addentra alla perfezione nelle suggestioni create dall’autore austriaco in questo particolarissimo lavoro.

    L’ora in cui non sapevamo niente l’uno dell’altro è infatti concepito come una didascalia-racconto, in cui Handke descrive la vita di una piazza: è proprio questo luogo-cornice diviene il vero protagonista dello spettacolo, animato, lungo un’intera giornata, da un flusso continuo di movimenti, personaggi, storie che la attraversano e si intersecano fra loro. Una voce, nel nostro caso, quella del bravissimo Mariano Rigillo, conduce per mano il pubblico lungo tutte queste vicende, questi profili, che pur senza parlare, sanno incuriosire, farsi conoscere, attrarre… Sono flash, episodi di vite, frammenti di una società: particolari che magari, quando anche i nostri occhi sono parte di quel flusso agitato e ininterrotto, non sappiamo cogliere.

    Attraverso uno stile e una poetica fortemente sperimentale Peter Handke ha analizzato nella sua opera il rapporto fra il linguaggio e il comportamento: attivo fin dagli anni Sessanta ha al suo attivo una notevole produzione teatrale, poetica e narrativa, ma ha scritto anche saggi e sceneggiature (fra cui Il cielo spora Berlinocon Wim Wenders). Nel 2019 ha ricevuto il Nobel per la letteratura.

     

    Youtube