• 29 Ottobre 2021 17:30
  • CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19

    PER ACCEDERE ALLE ATTIVITÀ NEGLI SPAZI DEL TSV È OBBLIGATORIO ESSERE MUNITI DI UNA DELLE CERTIFICAZIONI VERDI COVID-19 E DI UN DOCUMENTO D’IDENTITÀ VALIDO

    PER INFORMAZIONI: www.dgc.gov.it

    Ingresso gratuito. Prenota il tuo posto scrivendo a biglietteria@teatrostabileveneto.it

    presentazione del libro

    Per ripartire dalla pandemia da Covid-19 c’è un vaccino salvifico: la cultura. È questo il messaggio dell’antologia a cura di Giuliano Ramazzina e Valentina Noce dal titolo Ecco il sol che ritorna, ecco sorride – La prossima normalità dopo la pandemia. Un titolo che riprende i versi della poesia La quiete dopo la tempesta di Giacomo Leopardi.

    L’iniziativa editoriale si propone di raccogliere e confrontare alcune voci eccellenti su un tema di prospettiva finalmente solo propositivo: la prossima normalità. Niente pessimismo, solo volontà di analizzare e costruire, anche criticamente. Perché, dopo mesi tra lockdown e fasce rosse, arancioni e gialle, torneremo a una normalità. Ma quale? Su questa domanda, centrale per il futuro dell’Italia, si cimentano alcune firme di prestigio appartenenti ai mondi della cultura, dell’economia, dell’università e del giornalismo.

    Scorrono così i contributi di Valentina Noce, Giancarlo Marinelli, Alessandra Penna, Nebojša Despotović, Rodolfo Corsato, Stefano Parisi, Giuliano Ramazzina, Paolo Feltrin, Giovanni Lanzone, Marco Savini, Federico Menetto, Riccardo Giumelli e Fabrizio Dughiero anticipati nella copertina da un disegno dell’artista e designer, John Volpato. Ciascuno degli autori vede un nuovo inizio dal proprio perimetro professionale, ma in un contesto dove il “noi” prevale sull’io, come effetto della pandemia, la bussola porta in una sola direzione.

    «L’arte può mantenerci in vita», scrive nel libro Valentina Noce, avvocato e vicepresidente del Teatro Stabile del Veneto. «Se vi rinunciamo, non ci sarà alcun ritorno alla normalità». Fondamentale sarà il teatro, come pensa usando una metafora lo scrittore e regista Giancarlo Marinelli: «Il teatro è come le chiavi di casa. Le chiavi non le consideriamo importanti come la cucina, il letto, il camino, le tende, il tappeto, lo studio, l’armadio. Ma quando le perdiamo, quando perdiamo le chiavi, in casa non entriamo più». E c’ è anche un’altra prospettiva per interpretare la ripartenza: il Rinascimento. «È a quell’epoca che dobbiamo guardare», scrive Fabrizio Dughiero, docente e prorettore dell’università di Padova, «se vogliamo ripartire da questo periodo buio in cui siamo sprofondati per colpa della pandemia per cogliere tutti i vantaggi della trasformazione digitale in atto, e della rinnovata attenzione ai temi della sostenibilità e dell’inclusione sociale».

    Teatro Goldoni

    Biglietteria +39 041 2402014
    Richiesta informazioni info.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it
    Orario di biglietteria

    martedì > sabato:

    ore 10.00 > 13.00 e 15.00 > 18:30

    domenica e lunedì chiuso

     

    S. Marco, 4650/ B - Venezia - 30124 - Italia