Mostra di manifesti teatrali
DA VENT’ANNI IN PALCOSCENICO

Padova, Teatro Verdi – mercoledì 21 novembre 2012
Venezia, Teatro Goldoni – giovedì 22 novembre 2012

Con la mostra DA VENT’ANNI IN PALCOSCENICO si sono concluse le iniziative per la celebrazione del ventennale del Teatro Stabile del Veneto iniziate nell’estate del 2012 con Sfida a colpi di Teatro, un gioco teatrale che ha visto i ragazzi delle scuole superiori di Venezia e di Padova protagonisti di 10 ore di spettacolo sui palcoscenici del Goldoni e del Verdi, culminate in una memorabile festa nel teatro padovano. Con quell’iniziativa ci si è rivolti al pubblico del teatro che verrà per manifestare l’impegno dello Stabile a investire sul futuro. Guardare avanti non significa tuttavia trascurare quanto è stato fatto, vale a dire il patrimonio della memoria e dell’esperienza. Il lavoro di quanti, in venti stagioni, hanno dato il loro contributo affinché sui due palcoscenici del Teatro Stabile del Veneto prendessero vita 81 produzioni, dall’Avaro di Molière messo in scena da Giulio Bosetti nel 1992, fino al recentissimo Oscura immensità per la regia di Alessandro Gassmann. Spettacoli di ogni genere – tragedie e commedie, classici e novità assolute – che, partendo da Venezia e Padova, hanno incontrato in migliaia di repliche i pubblici di tutt’Italia e oltre. Tutto questo è stato ricordato con una mostra di fotografie, manifesti e oggetti di scena; testimonianze semplici di spettacoli ormai non più in scena, ma anche elementi capaci di richiamare alla memoria del pubblico di allora le emozioni provate in sala, permettendo di rivivere qualche frammento di quell’assoluto irripetibile che è lo spettacolo teatrale, e anzi ciascuna replica di ogni spettacolo.

PRODUZIONI 1992/2001

La mostra – al singolare, perché di un’unica esposizione si tratta – viene presentata al pubblico di Padova e Venezia in due diversi allestimenti curati da Barbara Accordi, che li ha pensati in relazione ai diversi spazi del Teatro Verdi e del Teatro Goldoni. Una particolarità che riflette la natura dello Stabile, che nella doppia sede ha i suoi speciali “sensori” in grado di recepire le esigenze di una regione vitale e articolata come poche per quanto riguarda il fermento teatrale: uno strumento particolare che è la base su cui si fonda l’impegno per il lavoro futuro.

Il Teatro Stabile del Veneto compie vent’anni

Il nostro Stabile nasce nel 1992 in occasione del bicentenario della morte di Carlo Goldoni; a fondarlo furono la Regione Veneto e i Comuni di Padova e Venezia che ancora oggi lo sostengono, e a cui nel 2003 si è aggiunta la Provincia di Padova.
Da allora abbiamo prodotto 81 spettacoli per oltre 5000 alzate di sipario e milioni di spettatori, e da allora gestiamo i due magnifici teatri che i Comuni fondatori ci hanno affidato: il Teatro Verdi di Padova e il Teatro Goldoni di Venezia.
Vent’anni di storie di palcoscenico e di amore per il teatro condivisi con il nostro pubblico; vent’anni da ricordare e festeggiare.
Sì, ma come? L’idea ci è venuta subito: non abbiamo fatto il solito libro celebrativo, ma abbiamo giocato al teatro che verrà. Abbiano aperto i nostri teatri a chi -in scena o in sala- farà il teatro dei prossimi vent’anni: che siano i giovani veneti appassionati di teatro a calcare i nostri palcoscenici carichi di storia; che siano loro i protagonisti di questa festa di compleanno.

PRODUZIONI 2002/2012

Sfida a colpi di teatro

La formula è stata quella di un gioco a squadre dove le squadre si sono identificate con le scuole superiori delle province di Padova e Venezia che hanno accettato il nostro invito. I ragazzi componenti le squadre si sono esibiti davanti a giurie formate da attori, registi, critici, giornalisti, tecnici ed esperti di teatro che a vario titolo hanno condiviso la vita dello Stabile. Le squadre prima si sono presentate con un pezzo scelto da loro, e poi si sono sfidate interpretando liberamente dalla tragedia Romeo e Giulietta di William Shakespeare la scena II del secondo Atto, la cosidetta “scena del balcone”. In un clima giocoso più che agonistico le giurie e pubblico hanno deciso chi far proseguire verso la finale.
Il gioco ha occupato due giorni: venerdì 29 Giugno, con due sessioni gemelle al Verdi di Padova e al Goldoni di Venezia dedicate alle selezioni delle 6 squadre finaliste; e sabato 30 Giugno con la finale a Padova seguita da una grande festa.

Senza pubblico il teatro non esiste

Che il pubblico sia parte vitale di ogni spettacolo, e anzi di ogni replica di ogni spettacolo, lo sa chiunque abbia messo piede in un teatro. Per questo è stato previsto anche per il pubblico un ruolo attivo nel gioco; le esibizioni infatti sono state aperte a titolo gratuito, e il pubblico ha potuto vincere i premi che sono stati estratti a sorte durante le due serate di selezione a Padova e Venezia.

MANIFESTI E VIGNETTE DEL VENTENNALE

SCUOLE DELLA PROVINCIA DI PADOVA
LICEO ARTISTICO STATALE “MICHELE FANOLI” – Cittadella
LICEO SCIENTIFICO “IPPOLITO NIEVO” – Padova
ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE “ENRICO MATTEI” – Conselve
ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ATESTINO – Este
LICEO GINNASIO “TITO LIVIO” – Padova
LICEO CLASSICO “CONCETTO MARCHESI” – Padova
LICEO SCIENTIFICO “GALILEO GALILEI” – Selvazzano dentro
LICEO SCIENTIFICO “ENRICO FERMI” – Padova

SCUOLE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA
LICEO GINNASIO “EUGENIO MONTALE” – San Donà di Piave
LICEO GINNASIO “RAIMONDO FRANCHETTI” – Mestre
LICEO SCIENTIFICO “GIOVANNI BATTISTA BENEDETTI” – Venezia
LICEO SCIENTIFICO “ETTORE MAJORANA” – Mirano
LICEO ARTISTICO STATALE – Venezia
ISTITUTO ALBERGHIERO “ELENA CORNARO” – Jesolo

TESTO DA SCARICARE

Romeo e Giulietta di William Shakespeare
Atto II Scena II
Dal “Dialogo del balcone”

INCONTRI CON LE SCUOLE

SCUOLE PARTECIPANTI