“Non sfugge al passato chi dimentica il passato”. Bertolt Brecht
  • 3 dicembre 2014 20:30
  • 4 dicembre 2014 16:00
  • 5 dicembre 2014 20:30
  • 6 dicembre 2014 19:00
  • 7 dicembre 2014 16:00

Massacritica prende spunto da un episodio realmente accaduto in un college americano alla fine degli anni 60 ed è la storia di un esperimento: un giovane professore propone a un gruppo di studenti di utilizzare il tempo del breve incontro settimanale di approfondimento di storia per ricostruire in classe le dinamiche di un gruppo totalitario e sperimentare un nuovo metodo didattico. Col passare delle lezioni i ragazzi, nonostante le premesse democratiche, rivivono in prima persona l’evoluzione dei principali regimi del novecento, dall’entusiasmo del cambiamento, alla costruzione di una nuova identità uniformante, fino ad arrivare alla denigrazione del diverso, di chi non si adegua. L’esperimento arriva a un punto di non ritorno e rischia di avere gravi conseguenze perché il gruppo raggiunge attraverso facebook una popolarità inaspettata e fuori controllo. Massacritica mette in scena l’importanza della storia e del suo insegnamento, la responsabilità della scuola nella formazione delle nuove generazioni in un mondo contrassegnato da una diffusione di informazioni sempre più rapida e accessibile ma anche confusa e manipolabile, un mondo in cui, attraverso l’anonimato autistico garantito dai social, si ritorna inevitabilmente branco sfogando impulsi violenti, distruttivi. Massacritica racconta quanto sia difficile essere giovani e trovarsi davanti il vuoto di un futuro tutto da (ri)costruire e quanto la democrazia sia perennemente a rischio, soprattutto in momenti di crisi economica come quelli che stiamo attraversando. In scena quattro giovani e talentuosi attori a dare corpo e voce ai ragazzi di oggi, agli adulti di domani.

Nella prima settimana di aprile del 1967 il professore di storia Ron Jones della Cubberley High School di Palo Alto decise di coinvolgere i suoi studenti in un esperimento per dimostrare loro l’attrattiva del nazismo. Inventò un movimento chiamato “La Terza Onda” e convinse i ragazzi che la democrazia andava eliminata. Dopo appena quattro giorni, però, decise di porre fine all’esperimento perché ne stava perdendo il controllo. L’episodio ha ispirato lo special TV “The Wave” del 1981, l’omonimo il libro del 1988 e il film “Die Welle” del 2008.

Teatro Goldoni

Centralino 041 2402011
Biglietteria 041 2402014
martedì > sabato 10.00/13.00 – 15.00/18.30
Fax 041 5205241
Coordinatore direzione.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it
Richiesta informazioni info.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it
Orario di biglietteria martedì > sabato 10.00/13.00 – 15.00/18.30
In tutte le giornate di spettacolo 10.00/13.00 – 15.00/inizio spettacolo
Domeniche con spettacolo 15.00/inizio spettacolo

 

S. Marco, 4650/ B - venezia - 30124 - Italia