Palcoscenici Metropolitani | Venezia fa spettacolo: 53 appuntamenti in 12 palcoscenici tra Venezia, isole e terraferma

Palcoscenici Metropolitani

 

VENEZIA FA SPETTACOLO

PER UN TEATRO DEL TEMPO PRESENTE E DELLE COMUNITÀ

 

Con 53 appuntamenti in 12 diversi palcoscenici tra Venezia, isole e terraferma prende il via il maxi cartellone ideato del Teatro Stabile Veneto – Teatro Nazionale in collaborazione con l’Associazione Cantieri Teatrali Veneziani, La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale e Pantakin

 

L’iniziativa nell’ambito del progetto “Palcoscenici Metropolitani” del Comune di Venezia con il sostegno del MiC

Venezia, 15 luglio 2022 – Tra spettacoli dal vivo, laboratori, campus estivi, residenze e nuove produzioni questa estate Venezia fa spettacolo. Con la 9^edizione del festival Venice Open Stage (Campazzo San Sebastiano dal 16 al 29 luglio) prende il via in questi giorni il maxi cartellone di Venezia fa spettacolo. Per un teatro del tempo presente e delle Comunità, il progetto ideato del Teatro Stabile Veneto – Teatro Nazionale in collaborazione con l’Associazione Cantieri Teatrali Veneziani, La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale e Pantakin che con 53 appuntamenti in 12 diversi “palcoscenici” animerà per tutta l’estate teatri, parchi, campi e piazze tra Venezia, isole e terraferma.

Il progetto Venezia fa spettacolo, inserito nell’ambito di Palcoscenici Metropolitani promosso dal Settore Cultura del Comune di Venezia grazie ai contributi del MiC e selezionato tramite bando pubblico, vuole creare occasioni d’incontro per la comunità e di fruizione dello spettacolo dal vivo, rafforzare la rete tra gli operatori culturali e favorire l’accesso alle attività formative e performative per i giovani residenti o formati sul territorio in un’ottica di inclusione e sostegno occupazionale valorizzando allo stesso tempo luoghi delle aree periferiche e spazi meno frequentate della Città.

Grazie alle proposte di Venezia fa spettacolo l’intera Città Metropolitana diventa uno spazio teatrale con spettacoli che invadono gli spazi urbani in modo insolito e progetti pensati appositamente fuori dai grandi palcoscenici della città: il Teatro Momo ospiterà le prove e le recite dedicate al pubblico dei giovanissimi, delle scuole e delle famiglie de La fiaba dell’augellino belverde, una nuova produzione del TSV tratta dal testo di Carlo Gozzi con l’adattamento e la regia di Matteo Spiazzi e l’interpretazione degli attori e delle attrici di una delle Compagnie Giovani dello Stabile del Veneto, mentre il Teatro del Parco è il luogo destinato ad accoglie la fase conclusiva del laboratorio itinerante della scuola di drammaturgia diretta da Lucia Calamaro, Scritture. Un lungo percorso di formazione riservato ad autori di teatro provenienti da tutta Italia, la cui ultima fase (in scena al Teatro del Parco di Mestre il 24 e 25 settembre e l’1 e 2 ottobre) consiste nella rappresentazione dei testi sotto forma di mise en espace: quattro giornate dedicate al meglio della drammaturgia contemporanea con la presentazione in prima assoluta dei sei testi emersi dal percorso di questa scuola unica in Italia che oltre al TSV, mette insieme istituzioni prestigiose quali Riccione Teatro, Teatro Stabile di Bolzano, LAC – Lugano Arte e Cultura, Teatro Bellini di Napoli, Teatro di Sardegna.

Torna a settembre nei parchi della Città anche Sottocasa, il progetto dello Stabile del Veneto che con 11 appuntamenti realizzati assieme alle artiste Susi Danesin e Isabella Moro e alla compagnia Barabao Teatro saprà coinvolgere grandi e piccini in un percorso in cui verranno proposti giochi teatrali e di movimento creativo accompagnati dalla narrazione di storie fantastiche.

Tra gli appuntamenti realizzati in collaborazione con le compagnie e associazioni teatrali venete oltre a Venice Open Stage, il primo festival per compagnie teatrali under 35 con un programma di 13 spettacoli a ingresso gratuito in un teatro all’aperto di 260 posti che prende il via dal 16 luglio in Campazzo San Sebastiano, ad agosto La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale presenterà al Teatro Groggia Sogni d’estate: un mini cartellone con il Groggia Camp, Centro Estivo Teatrale (dal 29 agosto al 2 settembre e dal 5 al 9 settembre per bambini dai 6 agli 11 anni), il Silent Play, una visita guidata del teatro con spettacolo da fruire con cuffie ispirato alla fiaba del Pifferaio di Hamelin (il 14 settembre) e tre spettacoli dedicati ai più piccoli tra ottobre, novembre e dicembre. Infine la compagnia Pantakin propone la produzione ABAT – JOUR. La storia perfetta, un lavoro sulla fantasia e sulla luce, in bilico sul confine del reale e dell’irreale, che andrà in scena con quattro repliche dal primo al 4 settembre presso il Cortile di SS. Cosmo e Damiano alla Giudecca.

La collaborazione fra il TSV, le associazioni e compagnie veneziane e venete continua quindi sempre più nell’ottica di promuovere il teatro quale strumento di inclusione e innovazione.

Comments are closed.