A partire da un gruppo di cittadini appassionati di teatro, che nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza e delle disposizioni anti contagio in questi mesi ha lavorato dal vivo al progetto U-tòpi-a-Venezia abitando e animando gli spazi del Teatro Goldoni con la speranza di poter andare presto in scena, prende il via una vera caccia al tesoro rivolta a tutta la città.

Sui social del Teatro Stabile del Veneto verranno svelati alcuni indizi per trovare nei luoghi più segreti di Venezia i “semi”, piccole tracce autobiografiche da scoprire e condividere. Un’azione pubblica che vuole raccontare ancora una volta quanto sia forte il legame tra il Teatro ed il territorio, trasformando l’intera città in un palcoscenico di utopie e in un luogo di condivisione.

 

Veneziani, trovate i SEMI, fatevi una foto con essi e pubblicatela sui vostri social, ma soprattutto fateli viaggiare, il futuro è tutto da scrivere!” è l’invito che il regista Mattia Berto ha rivolto alla città.

 

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.