Luciano Roman

Attore e regista teatrale, ha iniziato la sua attività nel 1983 mentre frequentava il Liceo, studiando, oltre che laprofessione di attore, i mestieri del palcoscenico. Si è dedicato in seguito alla creazione di soluzioni scenografiche e allo studio dell’illuminotecnica. Ha sviluppato competenze in ambito audio- video-fotografia finalizzati al processo compositivo di creazioni teatrali. Ha lavorato come light- designer a Parigi con la compagnia “Simi-Foa” dal ‘92 al ‘93. Diplomato all’Accademia De’ Filodrammatici di Milano come attore, nel 1990 riceve il premio Ystrio come giovane promessa. A partire dagli anni 90’ si è dedicato alla professione di attore. Ha

lavorato con i maggiori teatri italiani, dal Piccolo Teatro di Milano al Teatro di Genova, al Teatro Stabile del Veneto, al Teatro Biondo di Palermo, al Metastasio di Prato, allo Stabile dell’Umbria e molti altri in cui è stato protagonista di più di 60 spettacoli spesso rappresentati in tutto il mondo. E’ stato diretto da Massimo Castri, Giorgio Strehler, Luca Ronconi, Antonio Calenda, Luigi Squarzina, Egisto Marcucci, Piero Maccarinelli, Giorgio Pressburger Pietro Carriglio, De Simone, Giorgio Presburger, e molti altri. Tra gli spettacoli: “Amoretto” di Schnitzler, le “Baruffe Chiozzotte” di Goldoni, “L’Isola Degli Schiavi” di Marivaux, la “Trilogia Della Villeggiatura” di Goldoni, la “Dodicesima Notte” di Shakespeare, “l’Invenzione Dell’Amore” di Tom Stoppard, I “Due Gemelli Veneziani” di Goldoni, Il “Candelaio” di Giordano Bruno, “Prometeo” di Eschilo, “Baccanti” di Euripide, “Rane” di Aristofane, e ancora “Peccato Fosse Puttana” di Jonn Ford. “Il Bugiardo” di Goldoni, “Così è (se vi pare)” di Pirandello. “Il Rabbino Di Venezia”, di Giorgio Pressburger, “La Donna Vendicativa” di C. Goldoni , “Amleto” di Shakespeare, “Orestiade” di Eschilo. In seguito “La locandiera” di Goldoni, “Zio Vanja” di Cechov, “La Mandragola” di Machiavelli. E ancora “Sarto per signora” in due diverse edizioni,“Nora Alla prova” di Ronconi.

Dagli anni 2000 affianca all’attività di attore quella di regista e promotore di eventi culturali. Come regista ha firmato: “L’oro in bocca” di Bonaviri, “Anima” dagli scritti di Leonardo Da Vinci, che lo vede autore, regista e interprete, e poi “Non buttiamoci giù” di Nick Hornby, “Casanova Soirèe” di cui è anche autore. E’ responsabile artistico del progetto “I Promessi Sposi siamo noi” social-spettacolo multimediale per le scuole. E’ stato coordinatore artistico di rassegne teatrali ed eventi culturali in Friuli dal 2000 al 2005. Ha ideato cicli di letture delle Confessioni di S. Agostino in tournèe in tutta Italia con il filosofo Giovanni Reale e Padre Eugenio Cavallari.

Ha insegnato recitazione alla Scuola del Teatro Biondo di Palermo, oltre che in numerosi stages e seminari per attori a Padova, Milano e Roma.
Dal 2008 fa parte del ComitatoTecnico del Fondo per l’Audiovisivo – Friuli Venezia Giulia. Nel 2015 ha fondato la società LUXAN che si dedica a progetti teatrali multimediali.