Il Teatro Mario Del Monaco alza il sipario
su scenari senza confini

In programma fino a dicembre 2021 tre opere liriche: Don Pasquale di Donizetti, L’Orfeo di Monteverdi e una Traviata in special edition due concerti con il pianista russo Grigory Sokolov e Dorothee Oberlinger e i Sonatori de la Gioiosa Marca

 

La stagione di prosa prende il via con Turandot di Pier Luigi Pizzi

Il Teatro Mario Del Monaco alza il sipario su scenari senza confini: Donizetti, Verdi e Monteverdi, ma anche Grigory Sokolov e Dorothee Oberlinger con i Sonatori de la Gioiosa Marca sono i protagonisti della stagione lirica e concertistica, presentata dal Comune di Treviso e dal Teatro Stabile del Veneto, che fino a dicembre 2021 animeranno il palcoscenico dello storico teatro trevigiano.

L’inaugurazione della stagione con il Don Pasquale di Donizetti

Come da tradizione è un’opera lirica ad inaugurare la nuova stagione del Teatro Mario Del Monaco: il 22 ottobre il Don Pasquale di Gaetano Donizetti, una co-produzione dei Comuni di Treviso, Padova, Bassano Del Grappa e Rovigo, debutta sul palcoscenico trevigiano nella versione diretta da Giuseppe Emiliani che per la sua messa in scena sceglie di far rivivere la vicenda di Don Pasquale negli “anni ruggenti” del Novecento, mettendo in evidenza quei caratteri di spensieratezza, bellezza e edonismo che il cinismo dei personaggi e la vivacità della musica sembrano evocare. Sul palco si alternano i due cast dei vincitori e dei finalisti della 49^ edizione del concorso internazionale per cantanti Toti Dal Monti, Adolfo Corrado (Don Pasquale), Giulia Mazzola e Rosalia Cid Tarrio (Norina), Matteo Guerzé e Pierpaolo Martella (Dottor Malatesta), Pietro Adaini (Ernesto) e Antonio Feltracco (un notaro), diretti assieme all’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta dal Maestro Giancarlo Andretta.

Il cartellone lirico concertistico

Il 6 novembre è la volta del primo concerto della stagione che vede protagonista un grande musicista della scena internazionale: il pianista russo Grigory Sokolov esegue nel programma scelto per la serata i pezzi della Kreisleriana op. 16 di R. Schumann e Preludi op. 23 di S. Rachmaninoff.

Il cartellone continua poi con Orfeo (11 novembre anteprima e 12 novembre), un progetto diretto da Roberto Zarpellon che, in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante, vuole rende omaggio al sommo poeta portando in scena le analogie tra la divina commedia e l’opera di Claudio Monteverdi.

Il 26 novembre si esibiscono in concerto Dorothee Oberlinger e i Sonatori de la Gioiosa Marca con un repertorio che mescola diversi esempi di musica “notturna” della tradizione europea in un caleidoscopio di sinfonie che variano dal racconto di drammi d’amore notturni a tenere ninnenanne, dall’evocazione di fantasmi e uccelli della notte alla celebrazione della più Santa delle notti.

A chiudere il programma di questa prima parte di stagione sarà poi Let’s face the music and dance una special edition de La traviata di Giuseppe Verdi per la regia di Ivan Stefanutti (7 dicembre anteprima, 10 e 12 dicembre) con l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta e il Coro Lirico Veneto diretti dal Maestro concertatore e direttore d’orchestra Francesco Rosa.

I titoli della prosa  

Il 29 ottobre prende il via anche la stagione di prosa il cui cartellone, presentato dal nuovo direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto Giorgio Ferrara, si apre con un originale adattamento della fiaba teatrale gozziana Turandot diretta dal regista e scenografo Pier Luigi Pizzi. Il programma prosegue poi fino a dicembre con la conferenza danzata di Cristiana Morganti Moving with Pina (14 nov) e con il nuovo adattamento della commedia goldoniana Il teatro comico (19>21 nov) diretto da Eugenio Allegri e interpretato da Giulio Scarpati. A partire da gennaio, poi, la seconda parte della stagione porta a Treviso attrici e attori della scena nazionale e veneta come Massimo Dapporto, Ottavia Piccolo, Paolo Pierobon, Luciano Roman, Valerio Mazzucato, Geppy Gleijeses e dal mondo della danza Alessandra Ferri e Massimo Murru e grandi registi quali Andrée Ruth Shammah, Yannis Kokkos, Valter Malosti, Michela Cescon e Serena Sinigaglia.

Comments are closed.