• 20 Dicembre 2020 17:00
  • 21 Dicembre 2020 17:00
  • 22 Dicembre 2020 17:00
  • 23 Dicembre 2020 17:00
  • 24 Dicembre 2020 17:00
  • 25 Dicembre 2020 17:00
  • 26 Dicembre 2020 17:00
  • 27 Dicembre 2020 17:00
  • 28 Dicembre 2020 17:00
  • 29 Dicembre 2020 17:00
  • 30 Dicembre 2020 17:00
  • 31 Dicembre 2020 17:00
  • 1 Gennaio 2021 17:00
  • 2 Gennaio 2021 17:00
  • 3 Gennaio 2021 17:00
  • 4 Gennaio 2021 17:00
  • 5 Gennaio 2021 17:00
  • 6 Gennaio 2021 17:00
  • 7 Gennaio 2021 17:00
  • 8 Gennaio 2021 17:00
  • 9 Gennaio 2021 17:00
  • 10 Gennaio 2021 17:00
  • 11 Gennaio 2021 17:00
  • 12 Gennaio 2021 17:00
  • 13 Gennaio 2021 17:00
  • 14 Gennaio 2021 17:00
  • 15 Gennaio 2021 17:00
  • 16 Gennaio 2021 17:00
  • 17 Gennaio 2021 17:00
  • 18 Gennaio 2021 17:00
  • 19 Gennaio 2021 17:00
  • 20 Gennaio 2021 17:00
  • 21 Gennaio 2021 17:00
  • 22 Gennaio 2021 17:00
  • 23 Gennaio 2021 17:00
  • 24 Gennaio 2021 17:00
  • 25 Gennaio 2021 17:00
  • 26 Gennaio 2021 17:00
  • 27 Gennaio 2021 17:00
  • 28 Gennaio 2021 17:00
  • 29 Gennaio 2021 17:00
  • 30 Gennaio 2021 17:00
  • 31 Gennaio 2021 17:00

Clicca e scarica il programma di sala

Mentre il periodo delle feste si avvicina in un clima sospeso, la musica di Verdi con una delle sue più celebri opere torna a far vibrare le assi del palcoscenico per regalare al pubblico da casa l’emozione che solo un grande classico sa dare: il Rigoletto, nell’interpretazione musicale del maestro Francesco Ivan Ciampa che dirige l’Orchestra di Padova e del Veneto e il Coro Lirico Veneto per la regia di Giuseppe Emiliani, che avrebbe dovuto debuttare nei Teatri Verdi di Padova e Mario Del Monaco di Trevisodomenica 20 dicembre alle ore 17.00 avrà la sua prima in streaming gratuitamente sul canale YouTube e sulla piattaforma digitale Backstage del Teatro Stabile del Veneto e per la prima volta su Ansa.it nell’ambito del progetto “Ansa per la cultura”, nato in sostegno dei teatri e delle istituzioni culturali.

Rigoletto è un’opera che meglio di altre rappresenta il tradimento, la vendetta, l’amore filiale e il sentire appassionato, offrendoci un meraviglioso ventaglio di ricchezza melodica e potenza drammatica. È il dramma di Victor Hugo Le roi s’amuse (Il re si diverte) messo in scena a Parigi nel 1832 che poi Giuseppe Verdi musicherà e rappresenterà al Teatro La Fenice di Venezia martedì 11 marzo 1851. È la prima opera della cosiddetta “Trilogia popolare” (Rigoletto, Il Trovatore, La Traviata) che suggellò la sua fama. Rigoletto è un’opera rivoluzionaria, con la quale Verdi impresse un’accelerazione alla riforma dell’opera romantica italiana, soprattutto sulla costruzione drammaturgica, che raggiungerà poi il suo culmine con Otello e Falstaff, le due ultime opere del Maestro. È fra le opere più rappresentate nel mondo e fra le più amate per le sue arie e interventi musicali come il Caro nome della fragile protagonista femminile Gilda, La donna è mobile dello spavaldo Duca di Mantova e Cortigiani, vil razza dannata del tormentato e ferito Rigoletto. In queste melodie dimora la genialità musicale di Verdi per la loro grande immediatezza e coerenza con il carattere dei vari personaggi.

 

L’opera che meglio di altre rappresenta il tradimento, la vendetta e l’amore filiale, offrendoci un meraviglioso ventaglio di ricchezza melodica e potenza drammatica

Piattaforma Backstage