RIPRESA

La Compagnia dello Stivale, dopo essere sopravvissuta all’Inquisizione Veneziana grazie a “Don Chisciotte”, tornata alle antiche glorie per merito di “Romeo e Giulietta”, giunge a Parigi, ma, poiché fama e successo non durano, sarà presto costretta a sciogliersi. Dei tre componenti, Giulio Pasquati, Girolamo Salimbeni e Veronica Franco, solo il primo rimarrà fedele alla professione: sarà scritturato al Teatro Palais Royal e diretto da Jean-Baptiste Poquelin, in arte Molière. Il 17 febbraio 1673 dovrebbe andare in scena la quarta replica de Il malato immaginario, ma lo spettacolo è a rischio, si parla addirittura di annullarlo, poiché il Maestro non è dell’umore per andare in scena. Toccherà a Giulio Pasquati tentare disperatamente di salvare la serata ricorrendo ai suoi vecchi compagni dello Stivale, pregandoli di aiutarlo in questo loro ultimo viaggio. L’opera di convincimento funziona e la forza dei tre attori riesce nell’intento di far tornare Molière sulla sua decisione: Il malato immaginario finalmente può andare scena.
Prodotto dal Teatro Stabile del Veneto
lo spettacolo di Stivalaccio Teatro rilegge a suo modo un grande classico, con esiti imprevedibili e trovate di grande divertimento.

 

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.