• 11 Novembre 2021 20:30
  • 12 Novembre 2021 19:00
  • 13 Novembre 2021 19:00
  • 14 Novembre 2021 16:00

CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19

PER ACCEDERE ALLE ATTIVITÀ NEGLI SPAZI DEL TSV È OBBLIGATORIO ESSERE MUNITI DI UNA DELLE CERTIFICAZIONI VERDI COVID-19 E DI UN DOCUMENTO D’IDENTITÀ VALIDO

PER INFORMAZIONI: www.dgc.gov.it

lo spettacolo

La pièce andata in scena per la prima volta nel 1977 con Robert Wilson e Lucinda Childs nel ruolo dei protagonisti, oggi rinasce con due nuovi prestigiosi interpreti come Christopher Nell e Julie Shanahan. I was sitting on my patio è un monologo privo di ogni apparente dramma o tragedia, costituito da un flusso casuale di associazioni di idee che si riversa sui confini di un nudo set in bianco e nero, accompagnato da movimenti spigolosi che diventano sempre più febbrili. Ciò che colpisce dell’opera è il suo minimalismo clinico e l’austerità che si crea attraverso il prisma delle sue contraddizioni. In questo zapping verbale in realtà non succede nulla, tutto accade e poi accade di nuovo nel corpo di una persona diversa. E, un po’ come in una giostra, continuerà a succedere.

estratti da A day dream, note di drammaturgia
di Charles Chemin, collaboratore alla regia

Robert Wilson ha ideato lo spettacolo come monologo, o piuttosto come un duplicato di due monologhi. Lui recitava la prima parte e Lucinda Childs la seconda, partendo da uno stesso copione.

All’epoca ciascuno concepì la propria coreografia, il diverso punto di vista, i significati convergenti, andando a produrre una vera e propria esperienza drammaturgica nel vedere lo stesso testo recitato per due volte una dietro l’altra.

Più di quarant’anni più tardi, Wilson propone una nuova versione dello spettacolo e con due nuovi attori, Christopher Nell e Julie Shanahan, per i quali ripensa l’approccio in modo che non si fissino mai nei ruoli interpretati dai loro predecessori, poiché la vera essenza dello spettacolo è proprio quella di non avere ruoli definiti. Ci fu un primo passaggio di testimone quando Robert Wilson e Lucinda Childs mostrarono la loro coreografia come spinto da cui partire per una ricerca personale da parte dei nuovi interpreti. Con Christopher Nell, Wilson ha condiviso la sua esperienza e i suoi ricordi, neanche la performance fosse andata in scena il giorno prima. Il lavoro di Lucinda Childs con Julie Shanahan invece è stato condotto in un primo tempo via Zoom, il passaggio di consegne è avvenuto con minuzia, partendo dalle note tenute all’epoca e predisponendo la scena nella propria abitazione, in modo da poter ripercorrere la corografia in ogni gesto, posizioni e ispirazione.

Con Wilson e gli attori ci siamo proposti di andare oltre la riproposizione delle coreografie per cercare una relazione intima con il testo in cui le loro storie si intersecano e dove molteplici personalità emergono per trovare la liberà d’espressione che sia propria del presente.

Utilizzando elementi della performance originale quali il materiale audio e video, le scene e i principi che hanno ispirato il lighting design dell’epoca, Wilson, Childs e gli attori hanno creato uno spettacolo che può essere visto come una nuova creazione per trovare significati altri, sia concreti che astratti, partendo dal contributo dei nuovi attori.

i biglietti

intero ridotto abbonati under 26 UaT
platea 45 € 40 € 34 € 21 € 3 €
1°, 2° ord. 39 € 35 € 29 € 17 € 3 €
3° ord. 28 € 24 € 19 € 14 € 3 €
4° ord. 20 € 17 € 13 € 11 € 3 €

 

È un Goldoni gremito di pubblico quello che questa sera ha accolto la prima nazionale di I was sitting on my patio. Lo spettacolo diretto da Robert Wilson ha fatto registrare numeri che a Venezia non si vedevano dalle stagioni precedenti alla pandemia. Il maggiore successo è quello riscontrato soprattutto tra i giovani: sono oltre 150 i ragazzi under 26 anni che hanno acquistato il biglietto, grazie anche alla convenzione stretta tra Teatro Stabile del Veneto e ESU che permette agli universitari di entrare a teatro a 3 euro.

 

Da sta sera qui si gioca in Champions – ha dichiarato il presidente del Teatro Stabile del Veneto, Giampiero Beltotto –. Abbiamo un palcoscenico davvero internazionale, abbiamo una platea bellissima piena di giovani. Io credo che Bob Wilson sia una certezza un po’ come Guardiola nel calcio e i numeri di questa sera ne sono la prova. Questa sera siamo al servizio di quella Venezia internazionale che stava aspettando il Goldoni e la sua rinascita”.

 

Andato in scena per la prima volta nel 1977 con Robert Wilson e Lucinda Childs nel ruolo dei protagonisti, I was sitting on my patio oggi rinasce con due nuovi prestigiosi interpreti come Christopher Nell, uno degli attori più conosciuti del Berliner Ensemble, e Julie Shanahan, straordinaria interprete del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch. Lo spettacolo, fortemente voluto dal direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto Giorgio Ferrara per la nuova stagione, starà in scena a Venezia dall’11 al 14 novembre sul palco del Teatro Goldoni nella versione in lingua originale con sovratitoli.

SCOPRI LO SPETTACOLO

Teatro Goldoni

Biglietteria +39 041 2402014
Richiesta informazioni info.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it
Orario di biglietteria

martedì > venerdì, ore 10.00 > 13.00 – 15.00 > 18.30

sabato, ore 10.30 > 13.00 – 15.00 > 18.00

domenica e lunedì chiuso

domeniche e lunedì con spettacolo la biglietteria parte 1 ora prima dello spettacolo

 

S. Marco, 4650/ B - Venezia - 30124 - Italia