Gli allievi attori della Scuola Teatrale d’Eccellenza superano i confini del palcoscenico con un lungometraggio che riscrive Risveglio di primavera di Wedekind. Il testo affronta la vicenda di un gruppo di ragazzi prossimi agli esami (quelli che oggi sarebbero l’esame di maturità), sviscerando una serie di questioni legate al personale e al sociale, affrontando tematiche come il rapporto con il gruppo, la pubertà, la sessualità, l’omosessualità, l’aborto.

Il progetto, nato come una rilettura contemporanea della tragedia tedesca, era iniziato già a dicembre 2019, quando il regista Stefano Cordella e il drammaturgo Dario Merlini hanno messo le basi per uno spettacolo dal vivo. Le incombenze dell’emergenza sanitaria hanno fatto sì che la messinscena si traducesse in lungometraggio: da drammaturgia a sceneggiatura, con il prezioso contributo di Serena Pea nelle riprese video e nel montaggio e Giovanni Frison come sound designer.