ACCADEMIA PALCOSCENICO
del TEATRO STABILE del VENETO

Presentazione

L’Accademia Palcoscenico del Teatro Stabile del Veneto fondata da Alberto Terrani ha aperto i battenti il 10 novembre 1998 e ha sede al Teatro Verdi di Padova. Nel corso degli anni è diventata una realtà conosciuta e apprezzata a livello nazionale nell’ambito della formazione professionale di giovani attori.

Molte sono state le personalità del mondo del teatro che negli anni hanno contribuito con il loro insegnamento a dare prestigio e professionalità all’Accademia: tra gli altri Rossella Falk, Anna Maria Guarnieri, Franca Nuti, Pier Luigi Pizzi, Luca Lazzareschi.

A partire dal triennio 2017/2020 il Teatro Stabile del Veneto ha avviato una nuova fase dell’Accademia Palcoscenico che va a definire una Scuola Teatrale Regionale di Eccellenza. Un rinnovato progetto didattico indirizzato alla scoperta e allo sviluppo della personalità artistica di ciascun allievo, attraverso la conoscenza dei linguaggi dello spettacolo, l’analisi critica, l’affinarsi dell’immaginario teatrale e della padronanza dei diversi mezzi espressivi.

Il progetto prevede, nella scansione triennale, una differente distribuzione di insegnamenti via via più specialistici fino ad arrivare al terzo anno di perfezionamento nel corso del quale gli allievi attori daranno vita a spettacoli veri e propri.

Il valore aggiunto è rappresentato da un gruppo di insegnanti qualificati e di alto livello arricchito di prestigiose presenze, da un modello di alta formazione in grado di garantire la pluralità di visioni e di approcci all’arte scenica e dal fatto che il Teatro Stabile del Veneto scrittura regolarmente molti giovani diplomati nelle produzioni teatrali, favorendo così il graduale inserimento degli allievi nella professione, creando continuità tra il periodo di studio e l’ingresso nel mondo del lavoro.

Il corpo docente del secondo anno si compone di registi, attori, coreografi e operatori di consolidata esperienza per ciascuna area formativa:

Recitazione

Alberto Terrani (fondatore e direttore emerito, tecniche di recitazione e dizione), Giuseppe Emiliani (tecniche di interpretazione), Giorgio Sangati (tecniche di interpretazione), Maria Grazia Mandruzzato (tecniche di recitazione), Massimo Navone (tecniche di improvvisazione), Luca Lazzareschi (tecniche di recitazione), Luciano Roman (tecniche di recitazione), Karina Arutyunyan (tecniche di recitazione), Paola Bigatto (tecniche di recitazione e recitazione in versi), Alessandro Serra (tecniche di interpretazione), Enrico Bonavera (commedia dell’arte) e Giorgio Bongiovanni (commedia dell’arte).

Voce

Sandra Mangini (educazione della voce e canto scenico) e Luciano Borin (metodo funzionale della voce).

Corpo

Laura Pulin (danza e movimento espressivo, tai-chi), Silvia Gribaudi (movimento per attori e azioni performative).

Cultura

Cristina Grazioli (storia del teatro e dello spettacolo) e Centro Maschere e Strutture Gestuali – Sartori (maschera).

Il percorso formativo sarà inoltre arricchito da incontri con i protagonisti degli spettacoli della stagione di prosa e di danza del Teatro Stabile del Veneto al Teatro Verdi di Padova e al Teatro Goldoni di Venezia, e da visite alle prove degli spettacoli in produzione.