Il Teatro Stabile del Veneto “Carlo Goldoni” è stato fondato nel 1992. Soci fondatori sono la Regione Veneto, il Comune di Venezia, il Comune di Padova. Si sono poi aggiunti il Comune di Vicenza (dal 2003 al 2011), la Provincia di Padova e, dal 2015, la Fondazione Atlantide – Teatro Nuovo di Verona.
A seguito della revisione del sistema italiano dello spettacolo operata dal Decreto del Ministro per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo 1 luglio 2014, il Teatro Stabile del Veneto ha ottenuto nel 2015 la qualifica di Teatro Nazionale, che lo colloca tra le eccellenze nazionali riconoscendo nel Veneto una delle regioni più fortemente teatrali d’Italia.
E’ stato diretto da Giulio Bosetti (1992 – 1997), Mauro Carbonoli (1997 – 1999), Luca De Fusco (2000 – 2009) e Alessandro Gassmann (2010 – 2014). Attualmente il Direttore è Massimo Ongaro.
Ne sono stati presidenti Francesco Raimondo Donà (dalla fondazione al 2002) e Laura Barbiani (2002 – 2013). Oggi lo Stabile del Veneto è presieduto da Angelo Tabaro.

Fin dalla fondazione il Teatro Stabile gestisce il Teatro Goldoni di Venezia e il Teatro Verdi di Padova. Dal 2001 al 2011 ha assunto la direzione artistica del Ciclo di spettacoli classici del Teatro Olimpico di Vicenza, di cui ha assunto dal 2003 al 2009 anche la gestione. Dal 2015 gestisce anche il Teatro Nuovo di Verona.
Dal 2013 la programmazione del Teatro Stabile è ispirata ad una strategia d’azione fortemente radicata nel territorio che rende tangibile la peculiarità dell’assetto geopolitico del Veneto, “metropoli diffusa” con tre centri, Padova, Venezia e Verona, di grande valore artistico e consolidate tradizioni culturali. La nuova dimensione territoriale, unita a un respiro nazionale e ad una forte vocazione internazionale, nonché un progetto culturale che si rivolge al futuro investendo sulle nuove generazioni rendono il Teatro Stabile del Veneto uno dei motori più importanti per lo sviluppo culturale dell’intera Regione.
Allo Stabile hanno firmato regie protagonisti della scena europea come Benno Besson, Lluis Pasqual, Pierluigi Pizzi, Jacques Lassalle, Gianfranco De Bosio, Maurizio Scaparro, Damiano Michieletto, Gabriele Vacis, Marco Sciaccaluga, Luigi Squarzina, Massimo Castri, Leo Muscato, Carmelo Rifici, Andrea De Rosa; protagonisti degli spettacoli sono stati attori come Marcello Mastroianni, Giulio Bosetti, Ugo Pagliai e Paola Gassman, Lello Arena, Eros Pagni, Lina Sastri, Elisabetta Pozzi, Virgilio Zernitz, Natalino Balasso. Nelle produzioni del Teatro Stabile si sono affermati giovani talenti come Giorgio Sangati, Enrico Castellani e Valeria Raimondi, Marta Dalla Via, Lorenzo Maragoni. Molto frequenti sono le produzioni goldoniane, ed in genere del teatro del ‘600 e del ‘700, ma non viene trascurata neppure la drammaturgia contemporanea (tra gli altri Furio Bordon, Giuseppe Manfridi, Stefano Massini, Massimo Carlotto, Vitaliano Trevisan, Tiziano Scarpa, Alessandro Baricco); durante la gestione dell’Olimpico il repertorio si è allargato anche alla drammaturgia antica. Altrettanto recente è il recupero della drammaturgia veneta del secolo scorso. 
Gli spettacoli del Teatro Stabile del Veneto sono presenti con continuità nel panorama teatrale nazionale. Dal 2002 ricorrono anche le tournée all’estero con tappe significative quali Berlino, Parigi, Lisbona, Mosca, Amburgo, Barcellona, Madrid.
Nel corso della sua storia lo Stabile del Veneto ha posto particolare attenzione e riservato un posto di rilievo e continuità, peraltro esplicitamente espresso nello Statuto, alle attività di formazione professionale delle figure presenti nella vita di un teatro, in particolare con l’Accademia “Palcoscenico” diretta da Alberto Terrani che rappresenta a tutt’oggi la Scuola del Teatro Stabile del Veneto e dalle cui fila puntualmente lo Stabile attinge energie e capacità per le sue produzioni e per proporre giovani talenti alle realtà artistiche con cui collabora.

La cura nelle scelte produttive e della composizione dei programmi non ha fatto perdere di vista l’attenzione per quello che sarà “il pubblico di domani” con l’attività di Teatro per Ragazzi, le rassegne dedicate alle famiglie, la realizzazione di Laboratori dedicati a specifiche fasce d’età oltre che a “contest” teatrali tra Istituti scolastici della Regione del Veneto in cui gli studenti hanno potuto esprimere il loro “sentimento teatrale” davanti a un pubblico di cittadini/giurati.

Infine, lo Stabile del Veneto, in collaborazione con l’Ente Teatrale Italiano, ha inoltre organizzato dal 2003 al 2009 i Premi Eti-Olimpici del Teatro, con cerimonia di premiazione a Teatro Olimpico di Vicenza trasmessa da Raiuno e i cui finalisti sono stati in più occasioni ricevuti dal Presidente della Repubblica al Quirinale.

tsvico

Pin on PinterestShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on Facebook