Giuseppe Crisolini Malatesta

crisoliniNato nel 1950, dopo aver frequentato la facoltà di architettura dell’università di Roma, ha iniziato a fare le sue prime esperienze come assistente ai costumi e in seguito alle scene di importanti artisti come Coltellacci, Pizzi, Peter Hall, Fiorella Mariani, in teatro, cinema, opera e televisione.
Il suo debutto ufficiale come autore di scene e costumi fu nel 1980 con La Gazza ladra al Rossini Opera Festival di Pesaro e da allora ha svolto una brillante attività che lo ha portato anche a vari successi internazionali, creando scenografie e costumi per più di 40 spettacoli. Fra i suoi lavori più significativi: la creazione di Il Saint François d’Assise di Messiaen all’Opéra di Parigi (dove ha creato anche i costumi del Mosè di Rossini con la regia di Luca Ronconi), Sonnambula al Lyric Opera di Chicago, Don Pasquale e Re Pastore all’Opera di Roma, Ballo in Maschera e Mignon al Comunale di Firenze, Rigoletto allo Staatsoper di Vienna, Arabella, Nina pazza per amore, Puritani per il Massimo Bellini di Catania, Semirama di Respighi, Amore dei tre re di Montemezzi, Belle Hélène di Offenbach, Alice di Testoni al Massimo di Palermo, Sonnambula e Traviata al San Carlo di Napoli, Barbiere di Siviglia all’Opera di Genova, Turco in Italia e Elisir d’amore a Reggio Emilia, il balletto Don Juan di Gluck al Maggio Fiorentino e Carmen al National Theatre di Tokyo. Numerosi i suoi lavori nella prosa, quasi sempre in collaborazione con Sandro Segui, fra i quali Alcesti al teatro greco di Siracusa, Il Campiello di Goldoni, La Sorpresa dell’amore di Marivaux, Elettra di Von Hoffmannsthal, I Pitocchi fortunati di Gozzi per Venetoteatro, La vita che ti diedi di Pirandello, Rapacità e I Villeggianti di Gorky, Stelle del firmamento di Puig allo Stabile di Catania, Vittime del dovere di Jonesco, Britannico e Berenice di Racine, La sposa di campagna di Wycherley, Macbeth di Shakespeare al Teatro Stabile di Brescia, Il Malinteso di Camus e A porte chiuse di Sartre con Alida Valli e la Malfatti, Molto rumore per nulla di Shakespeare con Valeria Moriconi. Dal 1999 collabora con Luca De Fusco, con il quale ha realizzato Il furioso all’isola di S. Domingo per il Festival Donizetti di Bergamo, La Certosa di Parma di Stendhal per il Teatro Stabile d’Abruzzo, Il giuoco delle parti di Pirandello con la compagnia Pagliai-Gassman, L’Isola del Tesoro da Stevenson, Il viaggio a Venezia da Von Hofmannsthal, La bottega del caffè di Carlo Goldoni, Il trionfo dell’amore di Marivaux e George Dandin di Molière per lo Stabile del Veneto e La scala di seta per La Fenice di Venezia.