Francesco Migliaccio

migliaccioDopo aver frequentato il triennio alla Civica scuola d’arte drammatica del “Piccolo Teatro” di Milano, nel 1986 inizia la sua carriera teatrale sotto la guida di Massimo Castri ( “Il girotondo” di A.Schnitzler, ruolo il Conte) e di Tadzeus Kantor (“Un matrimonio alla maniera costruttivista e surrealista”, ruolo il Vescovo), poi di Franco Branciaroli (“La vita è sogno” di P.C.de la Barca, ruolo Clarino).
In seguito ha lavorato con i registi : Giulio Bosetti, Carlo Cecchi (” Leonce e Lena” di G.Buchner, ruolo re Pietro), Gigi Dall’Aglio, Filippo Crivelli, Giuseppe Emiliani, Sergio Fantoni, Nanni Garella, Cesare Lievi, Katie Mitchell (al Piccolo Teatro di Milano in “Tracce di Anne” di Martin Crimp, per la prima volta in Italia), Franco Però, Cristina Pezzoli, Dominique Pitoiset, Giovanni Testori (“Filippo” di V.Alfieri, ruolo Perez con Franco Parenti e Lucilla Morlacchi), con Peter Stein ai Festival di Siracusa ed Epidauro (“Medea” di Sofocle, ruolo il Messaggero, con Maddalena Crippa nel ruolo di Medea).

-Nell’agosto del 1991 lo spettacolo “Filottete” di Sofocle, in cui interpreta il ruolo del titolo, prodotto dal Teatro Stabile di Parma e con la regia di C.Pezzoli, vince il “Biglietto d’oro” a Taormina Arte.

-Con il Teatro Stabile di Parma e con a fianco Elisabetta Pozzi ha interpretato:
Kostia ne “Il gabbiano ” di A.Cechov,con Moni Ovadia,
Orlando in “Come vi piace” e Laerte in “Amleto “,di W. Shakespeare.

-Con il Teatro Stabile di Brescia:
Il Maestro (marito di Mascia) ne “Il gabbiano” di A.Cechov con la regia di M.Castri, con Anna Maria Guarnieri,Virginio Gazzolo e Massimo Popolizio.
Borcov “Sulla strada maestra ” di A.Cechov. Regia di Cesare Lievi.
Osvald in “Spettri” di H. Ibsen, a fianco di Franca Nuti e Gian Carlo Dettori. Regia di Cesare Lievi.

-Dal 1993 al 1999 fa parte della compagnia “La Contemporanea ’83” diretta da Sergio Fantoni a fianco del quale è:
Tommaso in “Come le foglie” di G.Giacosa,
Horaces ne ” La scuola delle mogli ” di Moliére ,
Charles ne “Il lungo pranzo di Natale” di T.Wilder,
Julien, il marito, nella serie di quattro atti unici di G.Feydeau, “Dal matrimonio al divorzio”.
Infine Sempronio ne “La Celestina” di F.De Rochas, con Isa Danieli. Regia di Cristina Pezzoli.

-Nel 2005 entra a far parte della Compagnia del Teatro Carcano diretta da Giulio Bosetti per la quale interpreta i ruoli :
Il Signor Ponza nel “Così è (se vi pare)” di Pirandello,
il Messaggero in “Antigone” di Sofocle,
Pellegrin, figliuolo di Todero, ne “Il sior Todero Brontolon” di C.Goldoni, regia di Giuseppe Emiliani, con Giulio Bosetti nel ruolo del titolo.

-Ha curato la regia di due testi dell’autore milanese Remo Binosi (col quale nel 2000 fonda la compagnia “La Nostra”):
“Carambola “, per lo stabile di Parma,
“Betty ” per il C.S.S. di Udine

-Nel 2006, per il teatro stabile di Parma è regista del monologo di Massimo Carlotto, “Niente più niente al mondo” con Carla Manzon. Per le musiche di questo spettacolo ha collaborato con il gruppo rock “I Miura” (ex “Timoria”).

-Nel 2007 collabora alla fondazione di una onlus a Parma per aiutare il villaggio di Mukondo in Congo attraverso la raccolta di fondi con eventi scenici di cui cura la regia.

-Ha inoltre, partecipato ai films “Caso mai” di A.D’Alatri e “The hope jorney” di X.Koeller (premio Oscar nel ’91 come miglior film straniero), alle fictions televisive “Il grande Fausto” di A.Sironi e G.Tornatore, regia di A. Sironi, con Sergio Castellitto e Bruno Ganz e ne I R.I.S. – seconda serie.

E’ il protagonista del video musicale M.A.I.A., del gruppo musicale “Miura”.
E’ il protagonista del corto MATU un film girato interamente in Kenia per il C.O.S.V.
E’ stato protagonista di numerosi spot pubblicitari.

Pin on PinterestShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on Facebook