Alvia Reale

realeNata a Roma, si è diplomata all’Accademia nazionale d’Arte drammatica “Silvio D’Amico”. È stata diretta da alcuni dei mag¬giori registi italiani, tra i quali Luca Ronconi (Gli ultimi giorni dell’umanità, Amor nello specchio, Strano interludio), Massimo Castri (Gli innamorati), Aldo Trionfo (lncantesimi e magie), Cesare Lievi (Donna Rosita nubile), Roberto De Simone (Agamennone), Antonio Calenda (Amleto, La tana, Rosanero), Pietro Carriglio (II re muore), Luca De Fusco (Peccato che sia una sgualdrina, L’impresario delle Smirne). Ha ottenuto la Menzione d’onore al Premio Eleonora Duse 1996 per la sua prova in Quer pasticciaccio … di Gadda, regia di Ronconi; mentre la sua interpretazione nell’Jvanon di Cechov, per la regia di Eimuntas Nekrosius, le è valsa il Premio internazionale Kaos nel 2001. Si è impegnata anche nella valorizzazione della drammaturgia contemporanea con registi come Walter Malosti, Renato Carpenetrieri Federico Tiezzi, Mauro Avogadro, Nello Mascia, portando in scena testi di autori europei come Botho Strauss (II tempo e la stanza), Herbert Achtembusch (Susn), Christa Wolf (Medea), Franz Xaver Kroetz (Né carne né pesce), e italiani, fra i quali Annibale Ruccello (Anna Cappelli) Raffaella Battaglini (Conversazione per passare la notte), Nicola Fano (La fuga di Emma). Per l’interpretazione de La tana di Alberto Bassetti ha vinto la Maschera d’oro al Premio Idi del 1993; e per quella di Rosanero di Roberto Cavosi le è stato attribuito il Biglietto d’oro Agis-Bnl nel 1995. Ha diretto ed interpretato, con Manuela Mandracchia, Sandra Toffolatti e Mariàngeles Torres, lo spettacolo Roma ore 11 di Elio Petri, che ha avuto il Premio Eti-Gli Olimpici del Teatro 2007 come migliore spettacolo d’innovazione, e lo spettacolo Festa di famiglia alla cui drammaturgia ha collaborato Andrea Camilleri.

Pin on PinterestShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on Facebook