OPV – Concerti Immortali amate
Prenotazioni aperte

I posti disponibili per gli eventi sono limitati a 40, per prenotarsi cliccare qui

Sei abbonato/a dell’OPV? Prenotata qui il tuo posto

 

Con il titolo Immortali amate, l’Orchestra di Padova e del Veneto avvia un originale omaggio a Ludwig van Beethoven in occasione del 250° anniversario della nascita, presso il Teatro Verdi di Padova. Riprendendo il nome della celebre lettera d’amore scritta dal compositore tedesco alla misteriosa amata, l’OPV presenta per la prima volta un’esecuzione integrale tutta al femminile dei Concerti per pianoforte e orchestra grazie all’interpretazione di cinque tra le più interessanti e affermate pianiste italiane. L’evento è reso possibile grazie alla partnership con Fazioli, azienda italiana leader nella produzione di pianoforti a coda e da concerto, che fornirà gratuitamente il pianoforte grancoda modello F278.

I cinque Concerti verranno registrati da una troupe di Rai5, che li trasmetterà nei palinsesti televisivi nazionali il prossimo dicembre, e anticiperanno l’esecuzione integrale prevista a Padova per l’inizio di novembre 2020.

Sarà Mariangela Vacatello a inaugurare il ciclo sabato 11 luglio alle ore 14.00 con il Terzo Concerto di Beethoven. Dopo aver conquistato il podio al concorso “F. Liszt” di Utrecht, Mariangela Vacatello si è fatta presto notare per la versatilità dei suoi orizzonti esecutivi, spesso in qualità di solista al fianco di compagini quali l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Nello stesso giorno, Leonora Armellini si esibirà invece con il Primo Concerto alle ore 16.30. Enfant prodige originaria di Padova, con la vittoria del concorso Premio Venezia a soli tredici anni, Leonora Armellini ha tenuto più di 500 concerti in tutto il mondo conquistando alcuni tra i più significativi riconoscimenti del settore.

Martedì 14 luglio la seconda accoppiata di pianiste vedrà schierate Maria Perrotta, raffinata interprete della musica di Bach e di Beethoven, del quale si ricorda l’incisione delle ultime Sonate pianistiche per l’etichetta DECCA, e Anna D’Errico, pianista di origini trevigiane dal tocco versatile e capace di attraversare il repertorio dal classicismo ai giorni nostri. Mentre Maria Perrotta si esibirà con il Secondo Concerto pianistico, Anna D’Errico chiuderà la giornata al Palazzo della Ragione con il Concerto n. 4.

Toccherà a Gloria Campaner, terza pianista veneta, chiudere la rassegna Immortali amate giovedì 16 luglio. Di origini veneziane, Gloria Campaner ha conquistato il podio in alcuni tra i più prestigiosi concorsi tra Europa e America, arrivando presto a calcare i palcoscenici più importanti, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, alla Carnegie Hall di New York.

Comments are closed.