Con il suo lavoro geniale è come se Dario Fo avesse inventato un’applicazione per riconnetterci al mondo di Ruzzante e alla sua lingua così ostica e misteriosa. E allora a pensarci bene, che cosa accadrebbe se il ‘pavano’ di Ruzzante per un’improvvisa diffusione virale diventasse la lingua ufficiale del web? Che ripercussioni si avrebbero nella Padova di oggi, improvvisamente diventata punto di riferimento e nuova frontiera della comunicazione globale? Un gioco teatrale fatto di visioni, paradossi e fantasticherie, frutto dell’allucinazione collettiva di un gruppo di giovani attori di talento che fanno propria la lezione del grande Maestro. Grazie a questi link potremo rispecchiarci istantaneamente in quei prototipi ruzzantiani di umanità disperata che, con la violenza vitale delle loro pulsioni primarie, ci riconnettono alle radici profonde del nostro essere, della nostra cultura e del nostro teatro.

Ruzzapp è una creazione collettiva originale diretta da Massimo Navone e Luca Rodella frutto della rielaborazione di vari testi di Ruzante tra cui:
Lettera a Messier Marco Alvarotto – Orazione al reverendissimo Cardinal Cornaro Vecchio – Parlamento de Ruzzante che jèra vegnù de’ campo – Moscheta – Betìa – La Piovana – Dialogo facetissimo.

10>11 marzo 2017 rimessa al pubblico nella Sala del Ridotto del Teatro Verdi di Padova.