Giampiero Beltotto
Presidente del Teatro Stabile del Veneto

Nominati oggi a Venezia i membri del CdA a maggioranza femminile: Valentina Noce, Annalisa Carrara, Cristina Palumbo e Rachele Sacco

Venezia, 05 ottobre – Giampiero Beltotto è il nuovo Presidente del Teatro Stabile del Veneto. A eleggerlo – come da statuto – l’assemblea dei soci composta da Regione del Veneto, Comune di Venezia, Comune di Padova e Provincia di Padova, riunita oggi al Teatro Carlo Goldoni di Venezia.

Beltotto, già vicepresidente e membro del CdA, succede a Angelo Tabaro e guiderà l’ente veneto che gestisce il Teatro Goldoni di Venezia e il Teatro Verdi di Padova per i prossimi cinque anni.

Insieme al Presidente sono stati rinnovati anche i membri del CdA: Valentina Noce, vicepresidente – Annalisa Carrara, nominata dalla Regione Veneto – Cristina Palumbo, dal Comune di Padova – Rachele Sacco, dal Comune di Venezia.

Il neo Presidente, dopo un ringraziamento a Angelo Tabaro per l’attività svolta in questi anni, ha rivolto i migliori auguri al nuovo Consiglio di Amministrazione per il lavoro dei prossimi cinque anni.

“Lavoreremo insieme per un Teatro Stabile che sia inclusivo, divertente e che metta al centro il pubblico – dichiara Giampiero Beltotto – e affinché il Goldoni diventi il teatro di una delle grandi capitali del Mediterraneo e il Verdi il teatro della città simbolo dell’interscambio con l’Europa. Collaboreremo con tutte le istituzioni e gli stakeholder del territorio, per essere sempre attenti a quello che accade attorno e rispondere alle aspettative del pubblico”.

 

Giampiero Beltotto, classe 1954, è giornalista, autore televisivo, saggista ed esperto di comunicazione aziendale e istituzionale. Romano di nascita e veneto d’adozione, si è formato con don Luigi Giussani alla Cattolica di Milano ed è laureato in lettere con una tesi su Clemente Maria Rebora, successivamente pubblicata. Dopo quindici anni di Rai, trascorsi nella redazione economica del TG1, come inviato per Tv7 e Il caso di Enzo Biagi (diresse come ultimo incarico la redazione Rai di Venezia), negli ultimi vent’anni  ha ampliato la sua esperienza come esperto di relazioni istituzionali e industriali lavorando per importanti gruppi imprenditoriali e finanziari. Ha diretto l’Ufficio stampa della Regione Lombardia e della Regione Veneto ed è stato responsabile della comunicazione del Ministero dell’Agricoltura e portavoce del Ministro. Ha diretto la comunicazione e il marketing del Teatro La Fenice di Venezia, ha ricoperto la carica di consigliere nel CdA della Fondazione IUAV, è stato Vicepresidente del Teatro Stabile del Veneto negli ultimi quattro anni. Ha tenuto lezioni all’Università di Padova, alla LUISS di Roma e alla Scuola Superiore di Giornalismo di Bologna. Cattolico, è autore di varie pubblicazioni. Tra queste Ho intervistato il silenzio edito nel 1979 da Città Armoniosa sul tema della clausura, che divenne negli anni di piombo un caso editoriale e riadattato tre decenni più tardi per Marsilio col titolo Silenzio amico. La bellezza della clausura al tempo di internet. L’ultimo libro edito sempre da Marsilio si intitola Barbari e digitali.

Comments are closed.