• 11 novembre 2016 21:00
  • “Penta Blues”, ideato da Roy Paci e Mauro Ottolini, è un viaggio lungo le orme musicali di William Christopher Handy (1873-1958), che con la sua prolifica vena compositiva contribuì a definire la forma del blues come la conosciamo oggi. Non per nulla si è guadagnato l’appellativo di ‘padre del blues’.
    Quello scritto da Handy e ora reinterpretato da Roy Paci e Ottolini è un jazz primigenio dalla vocazione corale e dall’intensità primordiale, i cui testi narrano storie di uomini e donne, di musica e d’amore, di denaro che manca e di giochi d’azzardo.
    Roy Paci (nato ad Augusta nel 1969), affermatosi sia come cantautore che come trombettista di esuberante virtuosismo, ha un curriculum davvero singolare per ricchezza e varietà di percorsi.
    Nei suoi progetti si evidenzia una spiccata tendenza al melting pot musicale: una convivenza di swing, rock, ska e ritmi caraibici, senza mai peraltro dimenticare la ricca tradizione siciliana. Ne sono prova gli Aretuska, una delle band più esplosive e coinvolgenti del panorama alternativo italiano, con cui ha inciso numerosi album e preso parte a diverse trasmissioni televisive che hanno contribuito alla sua notorietà nazionale.
    Nato a Bussolengo (VR) nel 1972, Mauro Ottolini abbandona il suo posto nell’orchestra dell’Arena di Verona, per darsi alla vita girovaga del jazzista, imponendosi velocemente come leader fantasioso e sorprendente.
    Ha suonato con Frank Lacy, Trilok Gurtu, Kenny Wheeler, Han Bennink, Carla Bley, Steve Swallow, Tony Scott, Maria Schneider, ritagliandosi anche un posto al fianco dei big della canzone italiana, sia come solista che nelle vesti di arrangiatore (Negramaro, Lucio Dalla, Antonella Ruggiero, Malika Ayane, ma anche Luciano Pavarotti ed Amii Stewart).
    Ottolini è il leader di alcune delle più sorprendenti formazioni della musica creativa italiana: gli Smashing Triad(s), i Lato Latino, l’orchestra Ottovolante, oltre al gruppo che più ha contribuito alla sua fama, i Sousaphonix. Con questa band dall’organico ampio e variabile Ottolini è stato meritatamente travolto dal successo, vincendo il Top Jazz nel 2012.

    Offerta speciale: chi acquista i biglietti per le due serate del 11 e 12 novembre avrà diritto al prezzo ridotto

    InteroRidotto
    Platea/palco Pepiano/1° ord balconata30,0026,00
    Palco Pepiano/1° ord no balconata26,0022,00
    Palco 2° ord balconata26,0022,00
    Palco 2° ord no balconata22,0018,00
    Galleria18,0015,00

    Teatro Verdi

    Centralino 049 8777011
    Biglietteria 049 87770213
    Fax 049 661053
    Coordinatore direzione.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
    Richiesta informazioni info.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
    Orario di biglietteria  

    Fino al 24 giugno 2018
    dal martedì al sabato 10.00/13.00 – 15.00/18.30
    in tutte le giornate di spettacolo 10.00 /13.00 – 15.00 / inizio spettacolo
    domeniche con spettacolo 15.00 / inizio spettacolo

     

    Via dei Livello 32 - Padova - 35139 - Italia