• 7 Novembre 2019 19:30 Turno P
  • 8 Novembre 2019 19:30 Turno V
  • 9 Novembre 2019 19:00 Turno S
  • 10 Novembre 2019 16:00 Turno D

Quello proposto da Anagoor è un teatro fatto di visioni affascinanti ed estremamente contemporanee. Un immaginario inedito e potente, che mescola il canto, l’orazione e la danza a un sapiente utilizzo del video in scena. L’Orestea di Eschilo è l’unica tragedia a essere giunta completa fino ai giorni nostri dal V secolo a. C. Una riflessiva esplorazione della saga degli Atridi, storia potente fin dall’intreccio, quando Agamennone tornato a casa dalla guerra di Troia, è ucciso dalla moglie Clitennestra e vendicato dal figlio Oreste. In questo nuovo allestimento il testo è inizialmente assunto nella sua integralità, per poi essere espanso e condensato nei suoi nuclei fondamentali in una traduzione che è anche tradimento, affiancandolo o sostituendolo con un arcipelago di altri testi tratti da autori quali Quinzio, Severino, Givone, Sebald, Leopardi, Ernaux, Broch, Virgilio, Arendt e Mazzoni. Si apre così una meditazione sulla fragilità del bene, sulla morte, sul tempo che passa e sulla trasmissione della memoria. Il nostro presente è frutto di un passato tragico del quale siamo figli. Siamo la trasmissione ereditaria di quel dolore, eppure per ciascuno di noi c’è un riscatto possibile: la giustizia.

 

Complesso e visionario, classico in senso contemporaneo, Orestea di Anagoor sfida le convenzioni e ci apre al mistero del teatro

InteroRidottoGiovaniAbbonati
Platea32,0029,0015,0022,00
1° Ordine28,0025,0012,0018,00
2° Ordine28,0025,0012,0018,00
3° Ordine20,0017,0010,0012,00
4° Ordine14,0012,008,009,00