• 28 febbraio 2016 16:00
  •  

    LE DODICI FATICHE DI ERCOLE. Un viaggio tra le storie del Mediterraneo Antico attraverso un GRANDE GIOCO DELL’OCA in cui i due attori interagiscono con i bambini facendo conoscere loro le avventure di Eracle, Ercole per i romani, mito nato dalla tradizione della stirpe dorica.
    Lo spettacolo nato da un’idea di Emanuele Conte e scritto da Elisa D’Andrea ha come protagonisti un attore e un attrice.

    La storia di Ercole è vissuta in prima persona dal pubblico che viene subito diviso in due squadre.
    Tutto inizia dentro la camera dei due ragazzi, che in un noioso pomeriggio decidono di sfidarsi al grande gioco dell’oca. Si tratta di un gioco speciale. A ogni tappa corrisponde una fatica. Non si tratta però, di una fatica qualunque ma una di quelle che ha dovuto superare anche quel mito di Ercole!
    E così a ogni giro di dado la camera viene invasa dal terribile ruggito del leone di Nemea, dal selvaggio galoppo del cinghiale di Erimanto, dalla seducente e ammiccante Cerva Cerinea, dalle temibili fiamme che escono dalle narici del toro di Creta e poi ancora le tre spaventose teste del Cerbero e le cavalle di Diomede e gli uccelli del lago Stinfalo, per non parlare poi del nauseante odore delle stalle di Augia che invaderà letteralmente il palco.
    E Ippolita? La Regina Ippolita? Ma certo lei si nasconde tra il pubblico… potrebbe essere quella bambina seduta in settima fila, oppure quella bionda vicino al signore con gli occhiali e se fosse la bambina seduta in ultima fila? Beh comunque i due attori una regina a ogni replica la troveranno sicuramente.

    I due attori si sfideranno in una gara emozionante passando da un’avventura all’altra, proprio come vuole il mito di Ercole.

    I due ragazzi desiderosi di vincere la gara non si risparmieranno dispetti, sgambetti e colpi bassi e useranno qualsiasi mezzo per arrivare per primi in fondo al gioco ma alla fine a vincere sarà la storia di Ercole eroe, mito e ormai amico.
    La scena è occupata da un grande e coloratissimo gioco dell’oca da cui di volta in volta escono amici, nemici, animali, musica, mostri e meraviglie di ogni tipo. Dietro le 12 caselle si nascondono altrettante sorprese che conquisteranno il palco a ogni giro con prove di forza e abilità.

    Se i dadi segnano sei potrebbe essere la volta di un pop up, se invece segnano due forse ci aspettano lunghi lenzuoli colorati e con il 4? E il 5? E il 3?

    E poi la musica, suonata dal vivo, che trascina il pubblico in canti e perché no balli!
    Allora non resta che partire per le 12 fatiche: uccidere l’invulnerabile leone di Nemea e portare la sua pelle come trofeo; uccidere l’immortale Idra di Lerna; catturare il cinghiale di Erimanto; catturare la cerva di Cerinea; disperdere gli uccelli del lago Stinfalo; ripulire in un giorno le stalle di Augia; catturare il toro di Creta; rubare le cavalle di Diomede; impossessarsi della cintura di Ippolita, regina delle Amazzoni; rubare i buoi di Gerione; rubare i pomi d’oro del giardino delle Esperidi; portare vivo Cerbero, il cane a tre teste guardiano degli Inferi, a Micene.

    Fascia di età dai 5 anni in su

     

    Informazioni

    Posto unico numerato 6,00 euro

    Orari di biglietteria

    Lunedì dalle 15.00 alle 18.30

    Da Martedì a Venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30

    Sabato dalle 10.00 alle 13.00

    Il giorno dello spettacolo la biglietteria apre un’ora prima dell’inizio

    Teatro Verdi

    Centralino 049 8777011
    Biglietteria 049 87770213
    Fax 049 661053
    Coordinatore direzione.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
    Richiesta informazioni info.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
    Orario di biglietteria  

    Dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30
    In tutte le giornate di spettacolo: 10.00 /13.00 – 15.00 / inizio spettacolo
    Domeniche con spettacolo dalle 15.00 a inizio spettacolo

     

    Via dei Livello 32 - Padova - 35139 - Italia