• 17 novembre 2016 20:30
  • 18 novembre 2016 20:30
  • 19 novembre 2016 19:00
  • 20 novembre 2016 16:00

La tradizione si intreccia e si confonde con la modernità nel capolavoro di Carlo Goldoni La Locandiera
Sul finire del 1752, quasi al termine della collaborazione con il veneziano Teatro Sant’Angelo e con la compagnia del capocomico Girolamo Medebach, Carlo Goldoni compone il suo testo più celebre, una commedia in cui il denaro è il Leitmotiv che anima l’intera vicenda, l’ossessione e il tormento dei caratteri rappresentati.
Siamo a Firenze (forse per non insospettire il pubblico e la censura della Serenissima), in una locanda, la cui proprietaria, Mirandolina, riceve continue profferte amorose da parte di due aristocratici avventori, il Marchese di Forlipopoli e il Conte d’Albafiorita; incurante delle smanie dei clienti, Mirandolina concentra tutte le sue attenzioni sul misogino Cavaliere di Ripafratta, decisa a farlo capitolare, indispettendo così Fabrizio, cameriere della locanda, invaghito, a sua volta, della proprietaria. A complicare e insaporire la vicenda contribuisce l’arrivo di due commedianti, Ortensia e Dejanira, che, fingendosi dame, cercano di truffare i blasonati ospiti della locanda.
Sfrondata delle trine e dei vezzi, la vicenda raccontata da Goldoni ci offre un quadro della società a lui contemporanea assai animato da tensioni e rivendicazioni, in cui la decadenza della vecchia classe dirigente, ormai ridotta a parassita inerme, si scontra con il dinamismo di quel ceto borghese che di lì a qualche anno avrebbe squassato l’ordine costituito e dato nuovo corso alla Storia.
Liberata da ogni pretesa di naturalismo, e decisamente più volta ad una sintesi dei contenuti, la messa in scena ideata da Walter Le Moli snellisce la caratterizzazione “d’epoca” del testo e lavora fino a far emergere le sfaccettature più sociali e politiche, attraverso le quali ogni aspetto della pièce (e in particolare i personaggi, Mirandolina in primis) assume una veste più universale e meno relegata al contesto storico della Venezia settecentesca. In quest’ottica Goldoni appare in tutta la sua consapevolezza di drammaturgo oltre che di uomo del suo tempo, capace di coscienza critica e di lucidità nel dipingere i rapporti tra i personaggi del suo (e del nostro) mondo. Attualissima, la pièce apre una porta sulla supremazia del denaro nel mondo moderno, e sulle conseguenze di questo potere sull’equilibrio delle classi sociali, oltre che sull’universo personale e sentimentale. In questo senso Mirandolina, camaleontica interprete delle tensioni sociali curiosamente adunate nella sua locanda, risulta un personaggio che agisce da sapiente giocatore di scacchi, capace di trarre il massimo vantaggio all’interno di una situazione a tratti spinosa, sicuramente divertente, che cambia in ogni momento.

InteroRidottoGiovaniAbbonati
Platea29,0026,0017,0020,00
1° Ordine25.0022,0014,0016,00
2° Ordine24,0021,0013,0015,00
3° Ordine18,0015,0010,0010,00
4° Ordine12,0010,008,008,00

Teatro Goldoni

Centralino 041 2402011
Biglietteria 041 2402014
martedì > sabato 10.00/13.00 – 15.00/18.30
Fax 041 5205241
Coordinatore direzione.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it
Richiesta informazioni info.teatrogoldoni@teatrostabileveneto.it
Orario di biglietteria martedì > sabato 10.00/13.00 – 15.00/18.30
In tutte le giornate di spettacolo 10.00/13.00 – 15.00/inizio spettacolo
Domeniche con spettacolo 15.00/inizio spettacolo

 

S. Marco, 4650/ B - venezia - 30124 - Italia