Produzione 2015

 

Con “Il solito ignoto” Michele Ruol prova a raccontare la Grande Guerra con gli occhi di chi oggi fa fatica a comprenderla. Lo spettacolo, diretto da Lorenzo Maragoni della compagnia Amor Vacui, mette in scena tre ragazzi, che a nome della loro generazione cercano una propria via per raccontare la “grande” storia. Lo faranno appassionandosi alla “piccola” storia del campionato di calcio del 1914-1915. Seguiranno le vicende di Silvio Appiani, capocannoniere del Calcio Padova, morto sul Carso dopo essersi arruolato come volontario. Un modo poetico, onesto, a tratti ironico, per fare i conti con l’eredità che la Grande Guerra ha lasciato alle nuove generazioni. Il tentativo di raccontare senza dire guerra, morte, trincea, indagando un pezzo di storia che collega generazioni lontane nel tempo, ma accomunate nel vivere l’entusiasmo della gioventù.

 

 

Iniziativa finanziata ai sensi della legge regionale 30 dicembre 2016, n. 30, art. 109, nell’ambito del programma per le celebrazioni del centenario della Grande Guerra.