• 26 febbraio 2015 18:00
  • 27 febbraio 2015 18:00, 20:45
  • 28 febbraio 2015 18:00, 20:45
  • 1 marzo 2015 16:00, 20:45

Ridotto del Teatro Verdi
Venerdì 27 febbraio ore 20.45

Titino Carrara
in “Manuale d’attore. Modestamente…lo nacqui”

­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

un progetto di Laura Curino e Titino Carrara
con l’aiuto di Giorgia Antonelli
musiche di Michele Moi

Figlio di Tommaso Carrara ed Argia Taurini appartiene ad una famiglia di teatranti, secondo tradizione, nomadi da dieci generazioni. Debutta a 10 anni e prosegue la sua attività al seguito del Carro di Tespi della famiglia spostandosi in tutto il Nord Italia, fino al 1965, quando i Carrara si fermano a Valdagno (Vicenza).

Da questa incredibile scuola di vita e di teatro che copre più di cinquanta anni nasce questo spettacolo che vede Titino partire idealmente dal piccolo teatro mobile del secondo dopoguerra ed arrivare a ridosso dei giorni nostri, alle tournèe internazionali nei più grandi teatri del mondo indossando la maschera di Arlecchino.

Manuale d’attore porta in scena il tema di come diventare adulti ed insieme abili attori, di come conquistarsi una identità ed un ruolo riconosciuti dalla famiglia d’arte e dagli spettatori. Il tutto presentato attraverso una galleria di personaggi che arrivano da lontano e vanno lontano, irriverenti ed insopportabilmente poetici, presentati attraverso una comicità ironica e naturale.


Teatro Verdi
Sabato 28 febbraio ore 20.45 

Compagnia Alegrìa  Ozoir La Ferriere  (Francia)
in “Arlecchino servitore di due padroni” da Carlo Goldoni

con Emilien Audibert, Rym Bourezg, Emanuele Contadini, Marie Giros, Issam Kadichi, Thibaut Kizirian, Simon Lapierre, Davide Lazzaretto, Laurie-Anne Macé, Clovis Rampant
Regia di Carlo Boso

Nella Venezia del sedicesimo secolo si prepara un matrimonio. Clarice, figlia del signor Pantalone, deve sposare Silvio, figlio del dottor Lombardi. La loro unione è già decisa e tutti sono felici. E’ allora che arriva un servo, chiamato Arlecchino, ambasciatore di una notizia che sconvolgerà tutta questa gioia. Nel mezzo di questa turba il nostro Arlecchino, deciso a lavorare di più per guadagnare di più, non esita a mettersi al servizio di due padroni, a loro insaputa, ben sapendo che quest’avventura lo trascinerà in un guazzabuglio di quiproquo, d’inseguimenti e di scontri armati che solo l’amore potrà infine fermare.


Ridotto del Teatro Verdi
Domenica 1 marzo ore 16.00

Stivalaccio Teatro
in “Don Chisciotte. Tragicommedia dell’arte”

Soggetto originario di Marco Zoppello
Elaborazione dello scenario e dialoghi di
Carlo Boso e Marco Zoppello
Interpretazione e regia di Michele Mori e Marco Zoppello
Consulenza artistica di Carlo Boso

Venezia. Anno 1600.

Salgono sul patibolo gli attori Giulio Pasquati, padovano, in arte Pantalone e Girolamo Salimberi, fiorentino, in arte Piombino, accusati di eresia. L’unica speranza per i due attori è l’arrivo dei rinforzi, i colleghi della compagnia dei Gelosi corsi dal duca di Mantova per pregarlo di intervenire nella spinosa vicenda. Non resta altro da fare che cercar di prendere tempo nell’unico modo che i due commedianti conoscano: recitando una Commedia. Ma non esistono commedie per due soli attori e i nostri sono costretti a ripescare il racconto di un marinaio conosciuto su di una nave spagnola, poco dopo la battaglia di Lepanto: un tal Miguel de Cervantes.
Prendono così il via le avventure di Don Chisciotte e Sancho Panza, filtrate dai ricordi e dall’estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l’esecuzione.
Duelli, salti, capriole, lazzi ma anche uno sguardo critico nei confronti di un fenomeno, l’inquisizione, tristemente conosciuto in tutta Europa.


Ridotto del Teatro Verdi
Domenica 1 marzo ore 20.45

Compagnia Alegrìa  Ozoir La Ferriere  (Francia)
in  “La follia d’Isabella”  da Flaminio Scala 

con Emilien Audibert, Rym Bourezg, Emanuele Contadini, Marie Giros, Issam Kadichi, Thibaut Kizirian, Simon Lapierre, Davide Lazzaretto, Laurie-Anne Macé, Clovis Rampant
Regia di Carlo Boso

Un giovane uomo di nome Orazio è preso in ostaggio dai Turchi che lo portano in Turchia. E’ ad Istanbul che incontrerà la sontuosa Sherazade,. I due giovani s’innamorarono all’istante l’uno dell’altro. Sherazade, per amor di Orazio, lo aiuta a fuggire, abbandona la sua terra natale, affronta mille pericoli, cambia religione e prende un nuovo nome: quello d’Isabella. Ma di ritorno in Italia, presa tra la gelosia della bella e crudele Flaminia, precedente amore di Orazio, l’accanimento di un Capitano per riportarla in Turchia ed il tradimento, Isabella sente che la ragione lascia il posto alla follia…


INCONTRI/APERITIVO

Ridotto del Teatro Verdi

(ingresso libero)

 

Giovedì 26 febbraio ore 18.00

Incontro con Claudia Contin conosciuta in tutto il mondo come Claudia Contin Arlecchino, la prima donna ad interpretare con continuità dal 1987 il ruolo maschile di una della maschere più famose della Commedia dell’arte.

Venerdì 27 febbraio ore 18.00

Incontro con Enrico Bonavera “allievo di bottega” di Ferruccio Soleri con alle spalle una formazione nell’ambito del teatro di ricerca e una prestigiosa carriera come Arlecchino con gli spettacoli del Piccolo Teatro di Milano.

Sabato 28 febbraio ore 18.00

Incontro con Carlo Boso grandissimo esperto di Commedia dell’arte, regista, autore e “testimonial” della VI Giornata Mondiale della Commedia dell’Arte

InteroRidottoGiovani
----10,008,008,00

Teatro Verdi

Centralino 049 8777011
Biglietteria 049 87770213
Fax 049 661053
Coordinatore direzione.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
Richiesta informazioni info.teatroverdi@teatrostabileveneto.it
Orario di biglietteria  

Fino al 24 giugno 2018
dal martedì al sabato 10.00/13.00 – 15.00/18.30
in tutte le giornate di spettacolo 10.00 /13.00 – 15.00 / inizio spettacolo
domeniche con spettacolo 15.00 / inizio spettacolo

 

Via dei Livello 32 - Padova - 35139 - Italia