Eracleonte si unisce alla “Stagione sul sofà”

Marcello Troisi, l’ideatore del personaggio di Eracleonte da Gela, legge per il pubblico virtuale del Teatro Stabile del Veneto la poesia tanto discussa e spopolata sui social nelle scorse settimane.

“Una gaffe degna di essere raccontata, figlia di questo tempo e del momento che stiamo vivendo”ommenta Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto.

Chi l’avrebbe mai detto che un poeta greco del III secolo a.c. si sarebbe ritrovato un giorno a recitare i suoi versi nell’agorà virtuale dei social network? E invece il misterioso Eracleonte da Gela, autore della poesia sulla pandemia che esorta tutti a restare a casa, spopolata in queste settimane su Facebook e nelle chat di tanti italiani è pronto a palesarsi e decantare quei versi direttamente dal palcoscenico virtuale della “Stagione sul Sofà” del Teatro Stabile del Veneto.

Marcello Troisi, il perito informatico palermitano, ideatore del personaggio di Eracleonte e della poesia che ha generato la simpatica e popolare gaffe con il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha infatti, accolto l’invito del Presidente del Teatro Stabile del Veneto,  Giampiero Beltotto di leggere e comporre nuovi versi per il teatro veneto.

Si potrà interagire con domande e curiosità  rivolte all’autore scrivendo all’indirizzo mail comunicazione@teatrostabileveneto.it.

Nei giorni scorsi Marcello Troisi ha “ritrovato” nuovi versi di Eracleonte sulla fase 2 della pandemia che recitano:

Siamo rimasti nelle case, e adesso si alza vento

mentre pulisce leggero l’aria,

portando via il suono della musica ad Apollo e il fumo dei sacrifici a Zeus

resteremo ancora ad aspettare.

Gli dei si sono riuniti e decideranno in consiglio se il male è passato.

Ci resterà ancora attendere o potremo riunirci ai nostri cari e infine godere della promessa vittoria?

 

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Comments are closed.