Due produzioni
del Teatro Stabile del Veneto
in tournée in Spagna

Successo di pubblico per il Giulio Cesare a Siviglia, nel fine settimana Arlecchino, il servitore di due padroni sarà a Madrid.

È un marzo all’insegna dell’internazionalità quello che sta vivendo il Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale, in tournée in Spagna con ben due produzioni: venerdì 10 e sabato 11 marzo il Giulio Cesare di Shakespeare diretto da Alex Rigola è andato in scena sul palco del Teatro Central di Siviglia, unica produzione straniera nella stagione di prosa di uno più importanti teatri di Spagna, per qualità della programmazione e livello internazionale delle proposte, riscuotendo un grande successo di pubblico, con moltissimi giovani in sala. Questa settimana, invece, il 17 e 18 marzo, Arlecchino, il servitore di due padroni, adattamento da Carlo Goldoni con regia di Giorgio Sangati, sarà ospitato dal celebre Teatro de l’Abadia di Madrid.

Queste tappe spagnole delle tournée si inseriscono nel quadro delle relazioni internazionali del Teatro Stabile del Veneto, che sono state rinnovate con grandissimo successo all’inizio della Stagione, a partire dalle ospitalità di The Merchant of Venice di William Shakespeare messo in scena dal Globe Theatre di Londra e di Entremeses di Miguel de Cervantes realizzato proprio dal Teatro de la Abadia di Madrid.

“La presenza di entrambi gli spettacoli in Spagna nell’arco di una sola settimana – sottolinea il direttore del TSV Massimo Ongaro – mette in risalto una delle eccellenze culturali della nostra Regione in due delle principali città spagnole, Madrid e Siviglia: un’opportunità importante per riprendere un discorso, interrotto ormai da troppo tempo, di valorizzazione del Teatro Stabile del Veneto all’estero, anche considerando il fatto che gli spettacoli potranno essere visti da altri operatori teatrali dell’area, mettendo in moto ulteriori possibilità di promozione, generando lavoro ed economie positive e virtuose”.

Pin on PinterestShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on Facebook
Comments are closed.